Scarica la brochure

03-08-21

Logistica 4.0: il ruolo della rivoluzione digitale

Secondo gli esperti del MEF, negli ultimi vent’anni la logistica della distribuzione è aumentata del 170%.

La quasi totalità dei beni di consumo viene smistata da un posto all’altro, superando confini nazionali, internazionali e intercontinentali. 

In un mondo sempre più globalizzato, si è arrivati a una nuova rivoluzione industriale: è tempo della rivoluzione digitale, per l’azienda 4.0. Anche l’ecosistema della logistica sta subendo notevoli trasformazioni, diventando sempre più innovativo, efficiente e produttivo. 

 

Il backend delle imprese di logistica, infatti, si è dotato di strumenti all’avanguardia, in grado di ottimizzare i flussi di lavoro e rendere più sicuri i trasporti, grazie a data analysis e deep learning, per lo più integrati con infrastrutture distribuite e monitorate.

 

Tali nuovi tecnologie sono in grado di portare i processi principali in ottica data-driven, consentono di velocizzare i trasporti e ottimizzare la catena di approvvigionamento, anche a favore di un minor impatto ambientale, fino a creare nuovi modelli di business.


La digitalizzazione dei processi consente di memorizzare una mole di dati, prima gestiti dalla manchevole mente umana, tra numerosi plichi e scartoffie. Oggi, grazie ad hardware e software di ultima generazione, è possibile automatizzare i processi e rendere più efficiente il lavoro: attraverso algoritmi codificati è possibile definire regole efficaci, nella certezza della loro esatta applicazione.

 

Cos’è la Logistica 4.0

 

Per logistica 4.0 s’intende la stretta connessione tra la logistica e digitalizzazione: si tratta di un nuovo modo di trasferire gli ordini nel più breve tempo possibile, grazie allo sviluppo tecnologico. 

Se fino ad oggi la logistica poteva essere innovata solo cambiando i mezzi di trasporto utilizzati, con la logistica 4.0 si raggiunge una maggiore sicurezza, efficienza e produttività. A innovarsi, dunque, sono anche il metodo di lavoro e il modello organizzativo dell’azienda, che dovrà adattarsi alle nuove dinamiche in atto.

 

In un modo interconnesso, la sfida attuale della logistica 4.0 è di monitorare in ogni momento la movimentazione della merce e tutelare ogni fase del processo. Ad esempio, sapere dove si trova esattamente un pacco e quando arriverà il corriere presso un consumatore è possibile solo grazie a una gestione digitale delle spedizioni e delle consegne della merce.

Come è possibile monitorare in maniera intelligente il traffico di merci in entrata e in uscita, migliorare la qualità e la velocità, combattere frodi e contraffazioni? 

Una possibile soluzione è la gestione integrata della catena di approvvigionamento, che prevede l’utilizzo di un sistema centralizzato per le attività logistiche e di trasporto, al fine di facilitare la cooperazione, migliorare l’efficienza e risparmiare sui costi. 

 

I cambiamenti introdotti dalla Logistica 4.0

I cambiamenti introdotti dalla nuova logistica integrata e digitale si sviluppano principalmente su tre assi:

  1. Automazione, di intere attività o parte dei processi;
  2. Connessione, grazie a macchinari in grado di raccogliere informazioni e trasmetterle attraverso una connessione dalla rete;
  3. Processo decisionale, che diventa più efficiente e strategico grazie alla corretta raccolta e rielaborazione dei dati.

 

In pratica, la logistica 4.0 permette di memorizzare e condividere in modo digitale i dati, riducendo la quantità di documenti cartacei, normalmente utilizzati, e permettendo di migliorare l’efficienza di tutta la catena di fornitura.


Oltre a questo, una gestione efficiente della logistica è possibile anche grazie a portali che gestiscono in tempo reale i dati, facilitandone la condivisione. Infatti, l’interconnessione di magazzini centrali, periferici e mezzi di trasporto permette un più efficiente allestimento degli ordini e delle spedizioni, nonché una notevole ottimizzazione della manodopera. 

Ad esempio, il software WMS (Warehouse Management System) di gestione centrale è il perno centrale attorno a cui ruota tutta la gestione del magazzino e la logistica connessa.

Attraverso questo software, che si interfaccerà anche con la gestione amministrativa, l’azienda è in grado di raccogliere in tempo reale tutti i dati necessari atti ad analizzare e migliorare i processi di gestione del magazzino e delle spedizioni. 

 

I vantaggi delle tecnologie 4.0

 

Oggi, nessuna azienda può prescindere da una marcata digitalizzazione, soprattutto nel settore della logistica. Oltre alla necessità di restare competitivi, adattandosi alle nuove esigenze del mercato, la digitalizzazione nel settore logistico porta numerosi vantaggi:

  1. Maggiore produttività: una movimentazione più efficiente dei materiali e dei prodotti implica un’ottimizzazione di tutto il processo di produzione. Inoltre, l’utilizzo dei dati offre una migliore tracciabilità dei componenti, contribuendo a rendere più svelto il flusso di lavoro.
  2. Rapidità nelle consegne: oggi i clienti si aspettano una disponibilità immediata dei prodotti. Con l’impiego delle tecnologie 4.0 e l’analisi dei dati è possibile soddisfare questa necessità, grazie a previsioni più precise e all’ottimizzazione dei tempi di consegna.
  3. Integrazione dei sistemi: le aziende che entrano nel mondo 4.0 si trovano ad affrontare l’integrazione tra i software e i sistemi già presenti all’interno dell’impianto: macchine, robot e dispositivi hanno bisogno di dialogare tra loro per essere efficienti. Le imprese possono sfruttare l’interconnessione per ricevere dati e organizzarli in informazioni da cui trarre vantaggio, senza duplicazione di documenti inutili.
  4. Tracciabilità dei prodotti: una catena di approvvigionamento, per essere realmente efficiente, esige della perfetta tracciabilità di ogni codice, lungo tutta la filiera. La logistica 4.0 sfrutta sistemi che contribuiscono a una migliore visione della mappatura del magazzino, ma anche a standardizzare le informazioni che viaggiano nei differenti sistemi.

 

Esempi pratici di automazione

Per la logistica sono molti gli strumenti da poter integrare per ottimizzare l’intero sistema di lavoro. Infatti, non è necessario modificare tutto l’impianto aziendale, ma affidarsi a macchine e attrezzi già predisposti per l’automazione, come:

  • Carrelli a guida autonoma, che impiegano tecnologie di navigazione di tipo filoguidata, guida a laser, marker o Qr code in modo tale da spostarsi in modo autonomo.
  • Sistema di sensori integrato, poiché, se interconnessi tra loro, i sensori sono in grado di elaborare automaticamente i dati in tempo reale e costruire una solida base, utile per il tracciamento delle merci e l’ottimizzazione dei processi. Consentono, inoltre, il rilevamento reciproco tra carrelli per trasmettere i dati relativi agli scaffali o allo stato di funzionamento del carrello all’interno del magazzino.
  • ·      Software di gestione WSM
  • ·      Magazzini automatici
  • ·      Piattaforme informatiche di controllo

 

Logcenter per la logistica 4.0

 

Logcenter, che da trent’anni si occupa di logistica integrata, è un’azienda innovativa e al passo coi tempi, pronta a offrire soluzioni all’avanguardia per sopperire alle nuove esigenze della logistica 4.0 e della rivoluzione digitale. 

Infatti, per l’automazione del magazzino e dei processi industriali Logcenter propone soluzioni in grado di cambiare radicalmente l’approccio al magazzino.

 

In primis, Stockmatic (LINK), il magazzino automatico dotato di WMS, che si collega direttamente al gestionale aziendale, che permette di avere informazioni sulla giacenza reale in magazzino, di controllare il flusso dei movimenti e dei depositi di materiali, della preparazione e spedizione al cliente. 

In questo modo si potranno avere tutti i dati necessari per implementare azioni di ottimizzazione

Logcenter non è solo un rivenditore di carrelli elevatori, ma un esperto di logistica integrata che può fornirti una consulenza specifica sulla gestione del magazzino, a 360°. 

Se vuoi ottimizzare il tuo magazzino in ottica 4.0

 

 

 

Lavora
con noi